Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, string given in /web/htdocs/www.romagnaharleygroup.com/home/wp/wp-content/plugins/wordpress-mobile-pack/frontend/sections/show-rel.php on line 49 Warning: array_intersect(): Argument #2 is not an array in /web/htdocs/www.romagnaharleygroup.com/home/wp/wp-content/plugins/wordpress-mobile-pack/frontend/sections/show-rel.php on line 54

Officer di successo

great-leaderun officer è un leader

  • il leader è la persona di riferimento

  • il leader è una figura carismatica

  • il leader sa trasmettere concetti e sensazioni

  • il leader sa capire, sa consigliare, sa decidere.

 

un officer per avere successo deve essere un leader

 

L’officer produce idee e stimola a nuovi obiettivi il suo gruppo.

 

Le idee non nascono da sole ma attraverso gli stimoli che riceviamo, dalle sensazioni che proviamo, dai desideri del singolo e da quelli espressi dal gruppo.

Ogni iniziativa non è altro che la realizzazione di un’idea, ma per essere certi che l’idea e quindi l’iniziativa sia interessante, dobbiamo valutarne, a tutti i livelli,  gli effetti positivi e negativi, che ne derivano, direttamente ed indirettamente.

Un leader non lascia al caso la decisione e l’iniziativa.

Un leader, parte da un’idea e la sviluppa, quando è certo della validità la realizza.

Ovviamente, prima di dare il via alla realizzazione di un qualsiasi progetto, ha ponderato e valutato il pro ed il contro.

Esistono tecniche decisorie che, se ben utilizzate, permettono di portare al massimo livello il risultato atteso e comunque di ponderarne l’entità.

Il leader sa utilizzare e far fruttare queste tecniche.

 

Tecniche di brainstorming

 

Cosa  è il brainstorming ?

Una tecnica atta a facilitare il processo decisorio

Brain   =   cervello, intelligenza             Storm   =   tempesta

quindi:      cervello tempestoso            ⇒  vulcano di idee

 

Nessuna idea, nuova idea !

 

Definire l’argomento

Con le persone che preferiscono un approccio pratico ad un approccio verbale spesso è meglio creare un ventaglio di possibilità.

Quando ognuno fornisce la propria idea, ecco formarsi il quadro possibilistico.

In questa fase non si deve dare importanza alla qualità ma semplicemente alla quantità di idee messe sul tavolo.

In questo modo la mente vaga liberamente abbandonando gli schemi prefissati.  Le idee non devono essere realistiche o fattibili ma piuttosto fantastiche; infatti le idee più stravaganti sono spesso le più utili. Una volta elencate almeno 10 “idee” si può passare alla fase di valutazione.

Immaginate l’evento in argomento e scrivete 5 parole che vi vengono in mente.  Dove portano queste parole ? Come possono migliorare l’evento?

Immaginate di essere un nuovo socio che partecipa per la prima volta ad un evento.  Scrivete cosa desiderate o vi aspettate di trovare, quindi applicate desideri o aspettative al vostro evento.

  • Incontro con altri motociclisti

  • Caffé gratis

  • Giochi adatti ai bambini

  • Buona musica

  • Stunt professionisti

Lavorando in gruppo, ogni partecipante potrà e dovrà proporre un’idea su come migliorare l’evento.

Le idee non devono necessariamente essere realistiche o fattibili, anche le più bizzarre possono innescare trovate straordinarie e al tempo stesso realistiche.

Una volta raccolte, valutatele per capire cosa possono apportare all’evento.

 


Il gioco degli opposti

Pensare in maniera alternativa, può suggerire soluzioni creative.

  • Quali sono gli aspetti negativi da affrontare ?

    Valuta come potrebbero essere trasformati in positivi.

  • Se la cosa funzionasse, che giudizio daresti ?

  • Se accadesse l’esatto contrario, cosa cambierebbe?

  • In questa ipotesi che idee possono nascere?

  • Se così facendo ci si desse la “zappa sui piedi” ?

Pensa a vari modi per fare esattamente l’opposto ed evitare le trappole.

Pensa a qualcuno che ti sta antipatico o che non sopporti.

  • Quale sarebbe la sua proposta?

  • Quali idee opposte potrebbero sorgere?

  • Prendi l’elenco delle idee, cosa accadrebbe se fai la cosa opposta ?

  • Quali ulteriori idee nascono da questa situazione ?

 

Relazione causale

  • Le idee creative spesso nascono nei modi più imprevedibili.

Prendi spunto da esperienze diverse, tutte a sé stanti, se collegate al problema da risolvere possono portare a soluzioni impensate.

Pensa a cosa ti piace fare nel tempo libero (oltre ad andare in moto) pescare, nuotare, schopping,  web ..,

collega queste attività alla moto  .. .. ..  quali soluzioni suggeriscono ?

 

Domandare

  • pensa come descrivere l’argomento o come formulare le domande,

  • cerca una risposta sul web e vedi i risultati.

Valuta come gli altri hanno parlato dell’argomento, come hanno risolto lo

stesso problema e quali ulteriori idee ti vengono in mente.

 

  • Pensa a qualcuno che stimi, cosa farebbe o direbbe in merito ?

  • Quali nuove idee ti sorgono ?

 


Valutazione delle idee

Una volta terminata la fase “delle idee”, dopo averle riepilogate e numerate  si procede ad una discussione e ad un confronto, facendo attenzione a non divagare dall’argomento.

Il tono del dibattito dovrà sempre essere piacevole e cordiale e tutti devono partecipare.

Dopo aver discusso tutte le idee e accertato che il gruppo abbia compreso le alternative, si procede alla scelta delle possibili alternative, generalmente non meno di tre e non più di cinque.

Queste rappresenteranno le priorità da attuare.

Le decisioni possono essere prese velocemente, per alzata di mano, con votazione, oppure rimesse in discussione, rivalutando le singole caratteristiche e procedendo per esclusione.

 

La prova del semaforo

Le idee si possono classificare coi colori del semaforo .

  • Il colore rosso –  bello ma non realizzabile

       rappresenta le idee “fantastiche”, “folli”, “inattuabili”,

       dovranno essere riesaminate per capire cosa le ha rese interessanti

       (nel cestino dei rifiuti si possono trovare molti consigli utili)

  • I colori verde e giallo rappresentano le idee migliori.

       Giallo  – idea interessante anche se presenta problematiche

       Verde  – facile da concretizzare, da esaminare più a fondo

 

Creare i criteri di valutazione

E’ molto più semplice formulare un’idea che decidere quale attuare.

 

I criteri di valutazione

  • devono misurare la capacità di risolvere il problema

  • devono misurare le capacità di soddisfare i requisiti fondamentali

Devono essere indicati chiaramente, tutti devono sapere cosa si sta chiedendo

I criteri possono essere rappresentati da scale di valori

Esempio : alla domanda

“in che modo questa attività si può realizzare economicamente ?”

Si può utilizzare una scala di valori da 1 a 5, dove il punteggio 1, il più basso, rappresenta costi molto alti e 5, il più alto, rappresenta costi limitati.

Normalmente le idee che contengono il punteggio più alto rappresentano la scelta migliore e possono rappresentare la scelta più opportuna, in base ai parametri di valutazione stabiliti.

 

Più  meno  interessante

Questo metodo si basa su un sistema di punteggi da assegnare alle idee.

Per ogni idea si crei una tabella a tre colonne:

  • colonna più

  • colonna meno

  • colonna interessante

IDEA

Scrivere aspetti positivi

Dopo aver esaminato tutte le idee, sommare il punteggio.

I punteggi negativi individuano problematiche di realizzo.

Quanto più alto é il punteggio positivo tanto maggiore è la probabilità che l’idea sia quella giusta.

 

Discussione collettiva

Tutti hanno buone idee.

Questo approccio da l’opportunità di proporre la propria e lasciare che gli altri prendano spunto dal pensiero originario.

Per iniziare il processo:

  • scrivere tutte le idee che hanno superato la fase di valutazione.

  • Verificare come potrebbero essere ulteriormente implementate ed espandere l’idea

  • Quando tutti hanno esaminato tutte le “nuove” idee, rileggere i contenuti.

A questo punto il gruppo ha un quadro completo delle possibilità e potrà decidere su quali idee focalizzare e stabilirne l’implementazione.

 

Per gli eventi futuri

Ogni evento ha una sua storia, tuttavia è bene registrare, annotare, tenere traccia dei risultati realizzati, questo potrà tornare molto utile in occasione di altri eventi, come bagaglio di esperienza maturata.

 

Allo scopo è opportuno che alla fine di ogni evento venga fatta una sessione di brainstorming, in cui si fissano i pregi ed i difetti riscontrati nel corso dell’evento.

Le domande a cui rispondere sono:

  • Quali problemi si sono presentati che richiedono soluzioni creative ?

  • Cosa avresti potuto fare ?

  • Cosa avresti voluto fare in modo diverso ?

  • Cosa ha funzionato bene ?

  • Cosa non ha funzionato altrettanto bene ?

  • Cosa è piaciuto di più

  • Quale aspetto ha lasciato più indifferenti

  • Cosa hai imparato che potrebbe essere utile a chi ripeterà l’esperienza ?

 

Le idee così generate, vanno archiviate e rese disponibili, al fine di aiutare il Club a crescere ed essere sempre più creativo, evitando i problemi passati.

La leadership del Free Chapter

  • Funziona quando gli Officer danno vita ad un ambiente positivo dove i soci si sentono partecipi.

  • Funziona quando gli Officer sono considerati dai soci come i leader del gruppo.

  • Funziona quando gli Officer sanno delegare propositivamente le responsabilità ai soci.

  • Funziona quando gli Officer non si atteggiano a “proprietari” del club.

  • Funziona quando gli Officer sono in grado di coinvolgere tutti i soci positivamente e indistintamente.

  • Funziona quando gli Officer si preoccupano di formare la nuova generazione di leader del Free Chapter e istruiscono i soci sui ruoli del Free Chapter.

  • Funziona quando tutti collaborano con spirito di squadra, tenendo conto delle mansioni e delle responsabilità.

  • Funziona quando si tiene conto delle preferenze e degli interessi di tutti i componenti del gruppo.

Delegare con successo

I punti chiave

Inquadrare il compito

Fare chiarezza su ciò che deve essere fatto e perché lo si deve fare.

Dimostrare come questo lavoro serva per obiettivi più ampi.

Spiegare come il lavoro che viene delegato contribuisca al successo del gruppo.

Tutti si sentiranno pronti.

Tutti devono essere convinti che il loro lavoro contribuisce a realizzare il progetto.

 

Delega di responsabilità ed autorità

Attribuendo una responsabilità è implicito conferire anche la relativa autorità per portare a compimento il lavoro.

Delegare significa alleggerire il controllo, ma senza autorità i volontari non saranno in grado di completare il proprio lavoro.

 Dare pieni poteri allo staff, nei limiti della responsabilità, conferendo la necessaria autorità.

 

Non lavarsene le mani

Delegare non significa abbandonare il lavoro.  C’è sempre bisogno di dare supporto, incoraggiamento e aiuto, ma soprattutto, chi delega mantiene comunque la responsabilità generale della buona riuscita di un evento, dovrà quindi fissare i “suoi punti di controllo” per essere certo che il gruppo vada verso l’obiettivo prestabilito.

Inoltre, lo staff di volontari può aver bisogno di formazione o di un riscontro positivo, i membri se lasciati soli potrebbero sentirsi “abbandonati”.

 

Delegare quando necessario

Accertarsi che lo staff abbia le capacità per fare il lavoro assegnato e che abbia ricevuto le informazioni necessarie per svolgerlo.

Contrariamente il compito potrebbe non essere svolto e demotivare le persone.

 

Non pestare i piedi

Delegando, pensare a chi altri potrebbe essere adatto a questo lavoro e quanto potrebbe sentirsi responsabilizzato. Accertarsi che il dialogo e la comunicazione tra i membri siano attivi e chiare le rispettive responsabilità.

 

 

 

 
Avventura

la vera essenza del motociclismo e del divertimento

 

 

I principi della leadership

Avventura xx

Il lavoro di squadra

È la chiave per organizzare il Free Chapter

Lavorando bene con la propria squadra diventa divertente e si possono raggiungere risultati eccellenti.

Efficacia

 

 

 

Il club è come una nave ognuno dovrebbe essere preparato a prendere il timone

Avvicendamento e rincalzi

L’avvicendamento degli Officer funziona:

  • quando i soci avvertono continuità di leadership;

  • quando i nuovi Officer sono seguiti da quelli uscenti e le attività del Free Chapter non subiscono interruzioni;

  • quando l’implicita conoscenza di come funziona il Free Chapter viene esplicitata tanto da diventare un risorsa preziosa per il gruppo.

  • quando esiste un programma per l’avvicendamento degli Officer

Know-how dell’Officer

                                                      conoscenze esplicite:  regole scritte

                                                      conoscenze implicite: regole non scritte

Perché un piano di avvicendamento ?

  • Per individuare anticipatamente i potenziali leader

  • Per favorire le esperienze per crescere

  • Per agevolare l’avvicendamento

 

Come individuare i leader

  • Mediante il coinvolgimento nelle attività

  • Per doti di comunicazione

  • Per capacità di relazionarsi con gli altri

  • Per integrità

  • Per creatività dimostrata

  • Per energia espressa

  • Per tempo disponibile

Fase di transizione

  • Seguire l’Officer uscente come se si fosse la sua ombra;

  • Annotare le competenze implicite dell’Officer.

 images

Miglioramento progressivo

 

Cosa fare per migliorate il tuo Free Chapter ?

______________________________________________________

______________________________________________________

______________________________________________________

 

Elenca i cambiamenti necessari per ottenere questi miglioramenti

______________________________________________________

______________________________________________________

______________________________________________________

______________________________________________________

  

Sviluppo degli obiettivi

Qual è l’obiettivo primario che hai per il tuo Free Chapter ?

______________________________________________________

______________________________________________________

______________________________________________________

______________________________________________________